Londra

63 Flares 63 Flares ×

Un anno può bastare per sentirsi parte o meno parte di un luogo. O no. Poche città al mondo, dopo averle lasciate, ti lasciano un senso controverso e angosciante, un senso di Odi et Amo. Lasciare un giorno Londra dopo un anno è come scendere da un treno che avresti potuto non lasciare mai. Scegli tu se scendere o meno da un cavallo impazzito di razza, forte e veloce, di quelli con cui potresti andare lontano. Molto lontano. La gente resta in sella perché quell’ebrezza è leggera, in un secondo ti porta via, ma se sai destreggiarti la corsa non può finire.

In una città come Londra non sei nessuno ma hai l’occasione di poter credere, per la prima volta nella tua vita, che puoi diventare qualcuno. È vero che ci riesci, prima o poi, come è vero anche che se hai certe aspirazioni ci rimani a vita, per spirito di sacrificio, per ottusità, per fortuna, perché ti fai una cerchia di amici o ti innamori. Londra è un’isola che divide: ci sono gli entusiasti e ci sono quelli che la maledicono. Londra ti può ricoprire d’oro o di melma. Londra ti può celebrare in ogni modo, ma può distruggerti la dignità, il coraggio con cui sei partito all’inizio.

Laura Fois  @LaFo86   http://goo.gl/bIaKWe

 

Londra è una città strana, enorme, complicata. Un luogo che si ama e odia a fasi alterne (ma anche allo stesso tempo), che può regalare attimi di gloria e momenti da dimenticare. La vita (s)corre veloce, spesso troppo. Ti ritrovi a camminare a passo rapido anche se in realtà non hai fretta, giusto per non essere di intralcio a quelli che invece una ragione per correre ce l’hanno (forse). Qui sembra davvero che il tempo non basti mai, o forse alla fine è l’energia che viene a mancare.

Londra colpisce subito per la sue dimensioni in termini geografici e culturali. Il treno per Parigi impiega meno tempo di quello che taglia la città da est a ovest. Mentre una passeggiata tra i quartieri della metropoli in poche ore ti fa passare attraverso una quantità di culture che neanche un giro del Mondo riuscirebbe a scoprire.

A Londra spesso arrivi che sei uno dei tanti, sta a te decidere cosa fare. Nessuno ti giudicherà per il tuo accento, cultura o religione. Nessuno ti guarderà in modo strano se sarai single dopo i 30 anni (neppure se sei donna). Nessuno si curerà di come ti vesti per uscire di casa. Nessuno considererà le tue idee bizzarre.

Londra è il posto giusto per cambiare vita.

Subito ti accorgerai di essere in un luogo dove non tutto è semplice, dove non hai più amici e famiglia a supporto, dove è facile sentirsi soli. Però allo stesso tempo è una terra di opportunità in cui impegno e qualità vengono premiate. Se non parli Inglese dovrai iniziare dal basso, ma questo non preclude nulla. Non verrai trattato da sottoposto, ma anzi ammirato come qualcuno che ce la vuole fare.

Tutti a Londra si sentono di passaggio, in pochi ti diranno che vogliono rimanere a lungo. Poi magari non se ne andranno mai, ma continuano a dire che lí non è per sempre. Ognuno vive la propria Londra fatta di successi, sconfitte, sorprese ed esperienze.

E alla domanda “perchè proprio Londra?” risponderei “perchè qui potresti anche capire chi sei e forse trovare ciò che cerchi“.

 

Cercare lavoro a Londra

http://www.cambio-vita.com/category/londra/lavoro-londra/

 

Viaggiare a Londra

http://www.cambio-vita.com/category/londra/viaggiare-londra/

 

Vivere a Londra

http://www.cambio-vita.com/category/londra/vivere-londra/

 

londra cambio vita

Londra al tramonto

63 Flares Facebook 54 Twitter 6 Google+ 3 Pin It Share 0 63 Flares ×
The following two tabs change content below.
Valerio Plessi - Viaggiatore, fotografo e adesso anche blogger. Ho studiato e lavorato in Belgio e Stati Uniti ma adesso la mia base è Londra. Ho viaggiato in 45 paesi sempre in maniera indipendente, tra cui 14 mesi zaino in spalla dal Messico fino all'Argentina. Mi piace scrivere di viaggi e stili di vita alternativi.

Commenta via Facebook

comments

Leave a Comment

63 Flares Facebook 54 Twitter 6 Google+ 3 Pin It Share 0 63 Flares ×